Scarponi e forchetta

scarponi e forchetta

In collaborazione con l’agriturismo Agra Mater di Colmurano (MC) 4 weekend per scoprire 4 territori della Regione Marche sia dal punto di vista naturalistico che enogastronomico. Territori molto vicini ma come spesso accade molto diversi tra loro.
Sabato sera cena presso l’agriturismo Agra Mater, e domenica mattina escursione con Risorse Active Tourism.

- Sabato 27 e domenica 28 maggio - L'ALTA VAL POTENZA
Al margine nord-occidentale della provincia di Macerata, lungo il corso del Fiume Potenza, più precisamente vicino alla sua sorgente, il territorio della valle del Potenza vanta una cucina di fiume tra le più significative della nostra regione. Trote e gamberi di fiume la fanno da padrone, senza tralasciare tutti i prodotti della montagna: erbe spontanee, tartufi, funghi, bacche, cacciagione. Per finire, tra Pioraco e Fiuminata, si contendono i natali di un dolce ricco e gustoso come la "crescia fojata", uno strudel marchigiano ricco di noci uvetta, mandorle, fichi secchi e mele.

Sabato 27 - La cena
Uovo morbido al tartufo.
Insalata di trota affumicata con patate cipollotti ed erbette.
Tagliatelle tirate a mano con gamberi di fiume.
Carrè di agnello scottato alle erbe di montagna e ginepro, insalatine selvatiche.
Crescia fojata.

Domenica 28 - L'escursione: Monte Igno e il lago che scompare
Guida: Mauro Viale
Oggi le nostre Guide ci accompagneranno in un luogo poco frequentato e forse un po' sconosciuto ai più: l'Altopiano di Montelago. Scopriremo la storia del lago che, dopo le bonifiche dei Duchi Da Varano di Camerino, fu prosciugato per lasciare spazio all'allevamento e che ad oggi ricompare dopo le abbondanti piogge o nevicate invernali. L'escursione in questa "gemma" dell'Alta Val Potenza in un solo colpo ci consentirà di godere di scenari sempre diversi e di scorci panoramici suggestivi dalla cima del Monte Igno.
DURATA: 5 Ore - DIFFICOLTA': T/E - DISLIVELLO: 300 m
- Ritrovo:
Ristoro Montelago ore 9:00

- Sabato 3 e domenica 4 giugno - IL SAN VICINO
Situato a cavallo tra la provincia di Macerata e quella di Ancona, il San Vicino è un monte dai mille volti ed anche la sua cucina ha subito l'influsso di questa caratterisica. I boschi di faggete e querce ci donano un ottimo miele ricco di profumi. Percorrendo i sentieri che da Elcito portano verso Apiro si possono ancora incontrare i cumuli delle carbonaie e muli che trasportano legna sui propri dorsi. Nella zona di Cingoli si produce un ottimo olio con una antica varietà di oliva: la Mignola, che ricorda sentori di frutti di bosco. La visciola, seppur più famosa in altre zone delle Marche, ha una tradizione antica anche in questa area, dove ancora in molti si producono a casa il proprio vino di visciole. Non dimentichiamoci poi di salumi, caprini e dei famosi cargiù, che sia in versione dolce che salata la fanno da padrone in questo angolo un po' lontano e sconosciuto delle Marche.

Sabato 3 - La cena
Insalata di caprino del Bosco Rosso con miele di melata.
Lumache con gelato all'olio di mignola e finocchietto selvatico.
Cargiù con ragù marchigiano.
Cinghiale in salmì con patata morbida.
Cavallucci di Apiro con vino di visciole.

Domenica 4 - L'escursione: il San Vicino e le sue faggete
Guida: Mauro Viale
Oggi le nostre Guide ci accompagneranno attraverso boschi monumentali di faggi che si stendono ai piedi del Monte San Vicino. Questo massiccio, inconfondibile per la sua caratteristica forma a tronco di cono, è riconoscibile e visibilissimo da quasi tutto il territorio marchigiano e anche per questo è un punto di riferimento geografico fin dai tempi antichi.
DURATA: 5 Ore - DIFFICOLTA': E - DISLIVELLO: 500 m
- Ritrovo:
Pian dell'Elmo ore 9:00

-Sabato 10 e domenica 11 giugno - IL CONERO
La montagna dei pescatori contadini. La cucina di questo prezioso lembo di terra a picco sul mare ci offre i colori, i profumi e le suggestioni della macchia mediterranea. Una cucina di porto ma anche di terra, dove antiche tradizioni marinare si fondono con le preparazioni gastronomiche più tipiche della nostra regione; abbiamo quindi i pesci in porchetta come le carni, vincisgrassi, frascarelli e non per ultimo lo stoccafisso, piatto simbolo della città dorica. Questa montagna è ricca di fioriture di lavanda e ginestra e ci offre prodotti del tutto peculiari come il corbezzolo, gli spacasassi e i moscioli di Portonovo.

Sabato 10 - La cena
Frascarelli con costarelle e salsiccia.
Ciavattoni con stoccafisso.
Moscioli, lumachine in porchetta, alici e spacca sassi.
Crema bruciata alla lavanda con insalata di fragole.

Domenica 11 - L'escursione: Il Conero e le sue meraviglie nascoste
Guida: Francesco Cianconi
Il Monte Conero, con i suoi 572 m, si staglia sulla costa marchigiana ed è riconoscibile sia da nord che da sud come una macchia verde che si affaccia sula mare. Il suo territorio è ricco di storia ed ha un patrimonio naturalistico straordinario, lo attraverseremo scoprendo i suggestivi scorci sul mare che si presenteranno ai nostri occhi tra la macchia mediterranea.
DURATA: 4 Ore - DIFFICOLTA': T/E - DISLIVELLO: 200 mt
- Ritrovo:
Piazzetta del comune di Sirolo ore 9:00

- Sabato 17 e domenica 18 giugno - I SIBILLINI
Terra di transumanza e di pastori, i Sibillini sono un’area di confine, anche se in realtà su questa come su altre terre nel mondo, i confini si sono trasformati ed anzi sono diventati dei flussi che nei secoli hanno fatto attraversare questi monti da merci, persone ed animali. Nella cucina e nella tradizione gastronomica di questo areale ritroviamo tutta la selvatichezza e la tempra dei pastori che ci hanno tramandato una cucina frugale economica e fondata su pochi elementi: pecorino, ricotta, guanciale, carne di agnello e insaccati. Ma non abbiamo solo carne e formaggi bensì anche una grande produzione di legumi, come la lenticchia, la cicerchia e la più sconosciuta roveja. Insieme a cerali più poveri come l'orzo e il farro, erbe officinali e spontanee, tartufi e funghi, senza dimenticare piccole produzioni come lo zafferano e la mela rosa che sostengono queste economie montane.

Sabato 17 - La cena
Acquacotta di cicerchie ed erbe spontanee.
Penciarelle con guanciale pepe e pecorino dei Sibillini.
L'agnello: coratella e fricassea con menta e limone.
Torta di ricotta e ciliege selvatiche.

Domenica 18 - L'escursionefioritura montagna dell’Efre e i cavalli bradi dei Sibillini
Guida: Francesco Cianconi
Un'escursione fuori dai classici itinerari per conoscere la Montagna dell'Efre e i suoi bradi abitanti. Ci innalzeremo da Bolognola salendo lungo un vecchio sentiero dei pastori fino a giungere al cospetto di Punta Bambucerta e delle Cascate dell'Acquasanta. Qui, nella moltitudine di colori che ci offrono le fioriture dei Sibillini, andremmo alla ricerca dei cavalli allo stato brado e delle fonti nascoste che da sempre permettono la vita di animali e uomini. L'immersione totale in una secolare faggeta ci porterà a conoscere altre fonti nella rigogliosa vegetazione, ricchezza di questa terra e fonte di vita di chi l'ha da sempre frequentata. Il nostro andare sarà impreziosito dalla vista sullo splendido scenario della Forra dell'Acquasanta, una delle formazioni rocciose più significative dei nostri Monti Sibillini.
Difficoltà: E – Durata: 5h – Dislivello: 470mt
- Ritrovo: Piazza di Bolognola ore 8:30

___________________________________________________________________________

Costo
Escursione: 15 euro. Cena: 35 euro. Partecipando all'escursione la cena costerà 30 euro.

Informazioni generali per le escursioni
Equipaggiamento (variabile sulla base delle condizioni meteo): Scarponcini da trekking, felpa e/o giacca antivento, cappello, acqua (almeno un litro).
Consigli utili: Crema solare, occhiali da sole, snack/panino, un ricambio completo da lasciare in auto.

Iscrizioni obbligatorie
Chiamaci allo 0733 280035, altrimenti inviaci una email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nome e cognome, numero di partecipanti ed un contatto telefonico. Sarai ricontattato a ridosso dell'evento per la conferma e per gli ultimi dettagli.
Il pagamento per l'escursione potrà essere effettuato direttamente alla guida il giorno dell'evento (salvo specificatamente indicato). Per la cena pagamento presso l'agriturismo.

Assicurazione Infortuni
Tutte le nostre attività sono seguite da guide con copertura RCT, Risorse ti offre una possibilità in più per garantire la tua sicurezza e per un servizio qualitativamente migliore puoi attivare una assicurazione infortuni personale ad un prezzo speciale.
Attiva l'assicurazione infortuni personale

Sconti e promozioni
Risorse Cooperativa premia gli escursionisti più fedeli dando la possibilità di usufruire di sconti e promozioni, non perdere l’occasione: scopri l’occasione che fa per te!

Numero massimo di partecipanti
Il numero massimo di escursionisti consentito varia in base alle peculiarità di ogni escursione, ed è valutato per garantire la massima sicurezza e godibilità dell’evento.

Variazione o annullamento eventi
Risorse Cooperativa si riserva la possibilità di annullare l'evento qualora le condizioni atmosferiche non ne consentano un regolare svolgimento in sicurezza. L’attività può essere annullata o il percorso modificato su decisione della guida escursionistica anche il giorno stesso dell’evento.

Legenda livelli di difficoltà:
T - turistica
E - escursionistica
EE - escursionisti esperti

Sede Legale

 

 

Sede Operativa

  • CEA  Parco di Fontescodella
    Via Mugnoz 5/5a
    62100 Macerata (MC)

    Visualizza mappa

Contatti

Contattaci al numero:
+39 0733 280035

Indirizzo e-mail:
activetourism@risorsecoop.it  

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti che si utilizzino i cookie.